Poteri forti (o quasi)


 

Poteri forti (o quasi)”: in questo suo nuovo libro, uscito per la casa editrice “La nave di Teseo”, Ferruccio de Bortoli racconta la sua vita e la storia del nostro Paese degli ultimi quaranta anni

Il nome di Ferruccio de Bortoli viene subito associato a quello del “Corriere della Sera”, quotidiano di cui è stato Direttore la prima volta dal 1997 al 2003 – anno in cui è passato a “Il Sole 24 Ore” - per poi tornarvi dal 2009 al 2015.

“Poteri forti (o quasi)” fin da subito, anche in riferimento ad alcune rilevazioni relative a personaggi dell'ambito governativo, ha suscitato molta attenzione, trasformando il libro immediatamente in un caso editoriale che vede coinvolta anche parte di spicco dell'attuale politica italiana.

Autobiografia e saggio

Pare che proprio l'insistenza dell'editrice, Elisabetta Sgarbi, sia alla base della decisione di de Bortoli di scrivere, infine, questo libro che mette insieme, in modo sapiente, il racconto della sua vita e il significato del lavoro giornalistico insieme con la storia di quaranta anni di vita italiana, così come si può facilmente dedurre dal sottotitolo: “Memorie di oltre quaranta anni di giornalismo”.

In queste pagine si parla prima di tutto del giornalismo di qualità, di quello che deriva da un lavoro fatto in prima persona e sul campo, così come dovrebbe essere sempre il lavoro giornalistico quando si svolge in maniera impeccabile, professionale e con quella grande passione che Ferruccio de Bortoli ha sempre provato nei confronti di questo mestiere, come racconta in un'intervista, sin da quando era ragazzino.

“Poteri forti (o quasi)”

Il buon giornalista, per essere tale, deve lavorare e molto e deve farlo in modo da essere “accurato, serio, credibile”, aggettivi che definiscono la qualità in questo campo, quella stessa che oggi tende a mancare, anche a causa all'influenza di una rete digitale che, se interpretata nella maniera sbagliata come accade la maggior parte delle volte, crea semplicemente quelli che de Bortoli definisce dei sudditi digitali rispetto a notizie che tali non sono.

Il libro spazia a tutto tondo tra la dimensione autobiografica, il racconto dei suoi incontri con personalità di spicco di tutto il mondo e tutto quello che fa riferimento alla storia italiana anche più recente, quella in cui i poteri sono forti non più di tanto, a differenza di quelli del passato che oggi non esistono più e di cui, probabilmente, si avverte addirittura la mancanza di fronte allo scenario attuale nel quale, secondo il giornalista, manca quel senso di consapevolezza e di responsabilità che, invece, erano proprio una caratteristica dei poteri forti di una volta...

                              
Ulteriori dettagli
Editore: 
La nave di Teseo
Codice ISBN-10: 
8893441667
Codice EAN / ISBN-13: 
978-8893441667
Pagine: 
319

Copyright © 1996-2014 Genesi S.r.l. | Partita IVA 01680570676 - Cap. Sociale € 10.000,00 i.v. REA TE 143874