Andrea Salieri

Andrea Salieri

Andrea Salieri nasce a Viareggio l´8 gennaio del 1962, nel 1976 si iscrive al liceo scientifico. Il 9 novembre del 1979 muore Fabrizio Guidetti, un amico a cui era particolarmente legato. La sua morte apre una ferita profonda e Salieri decide di abbandonare gli studi per dedicarsi totalmente all'attività artistica. Mette in piedi una band e inizia a scrivere canzoni.

Conosce Eugenio Finardi un cantautore milanese che risulterà determinante alla sua maturazione. Nel 1983 fa esperienza come supporter di band famose presso il teatro tenda di Bussoladomani quali i Matia bazar e Mink De Ville. Collabora nell'84 con la direzione artistica del teatro tenda Bussoladomani. Nel 1986 I "Danger", suo primo gruppo, si sciolgono e nascono i "Prediligo". Pubblica il suo primo volume (poesia) dal titolo 'Acido Lattico' nel 1989.

Completamente autoprodotto e distribuito in 3 provincie dallo stesso autore, oggetto di culto tra i giovani che lo simboleggiano quale "poeta della generazione della polvere" vende 6.500 copie in 3 mesi e si aggiudica un importante riconoscimento: il Premio Camaiore Opera Prima. Il 5 novembre conosce Patrizia, la donna che diventerà poi la compagna inseparabile. Nello stesso anno i Prediligo si sciolgono e Salieri inizia la carriera di solista. Lavora come direttore artistico del teatro tenda di Bussoladomani. Nel 1991 edito da una piccola casa editrice esce "Demoni del cuore" (3 racconti e 30 poesie).

Registra il suo primo album (composto da 10 brani) allo studio Psycho di Claudio Dentes con alcuni tra i migliori musicisti d'Italia nel 1994. Il Cd, causa forti contrasti dell'artista con la produzione e più in generale con l'ambiente discografico, uscirà in clandestinità solo alcuni anni dopo. Nel 1996 con il fotografo Sergio Fortuna realizza una mostra dal titolo "La tragedia delle foglie" che, visto il notevole successo, sarà ospitata in molte città d'Italia. Amareggiato, ma deciso a non accettare compromessi con l´ambiente discografico abbandona l´attività musicale per dedicarsi esclusivammente alla scrittura.

Nel 1998 per Edizioni Clandestine escono "Underground" (poesia) e "Dinamismo di un cavallo in corsa + case" (romanzo). Il 6 settembre viene colto da un grave infarto. Ma sopravviverà. Si presenta alle elezioni comunali come candidato per Rifondazione Comunista ma non verrà eletto. Nel 2000 sempre per Edizioni Clandestine pubblica "Kay è stata qui" (racconti), poi l'anno dopo esce "L'amore che accade" e nel 2002 "L'urlo" con cui si aggiudica la XIX edizione del Premio Lizza d'Oro. Il libro viene presentato al Salone di Torino.

Opere letterarie

Copyright © 1996-2014 Genesi S.r.l. | Partita IVA 01680570676 - Cap. Sociale € 10.000,00 i.v. REA TE 143874