Il futurismo a Viareggio e in Versilia - Accadimenti e riflessi dal 1918 al 1940

Il futurismo a Viareggio e in Versilia - Accadimenti e riflessi dal 1918 al 1940
Autore: 
AA.VV. Autori Vari

Il Futurismo a Viareggio e in Versilia è il titolo di una mostra che indaga il fecondo rapporto intercorso tra il Futurismo, Viareggio e la Versilia, considerati negli anni Venti e Trenta del Novecento i luoghi balneari moderni per eccellenza, mete di soggiorno e villeggiatura dei maggiori artisti, scrittori, esponenti del variegato mondo dello spettacolo dell'epoca.

Creatori di un'atmosfera insieme intellettuale e mondana dalla quale sorse nel 1929 il Premio Letterario Viareggio, in cui il Futurismo - complice anche l'assidua frequentazione del fondatore Filippo Tommaso Marinetti -  giocò un ruolo determinante.

Nel catalogo di corredo alla mostra si rievoca l'importantissima e ancora storiograficamente misconosciuta Esposizione d'arte d'avanguardia italiana che si tenne al Kursaal di Viareggio nella seconda quindicina di agosto del 1918 in cui il Futurismo di Enrico Prampolini, Fortunato Depero e Primo Conti incontrò la Metafisica di Giorgio De Chirico e Carlo Carrà, con un magnifico nucleo di capolavori dell'arte italiana del tempo. Prosegue quindi con l'analisi dell'influsso del Futurismo nell'opera di Lorenzo Viani, Moses Levy, Alberto Magri, i maggiori rappresentanti del "genius loci"; soprattutto del primo, la cui mostra personale allestita nel 1930 a Villa Paolina presentata da Marinetti, offrì lo stimolo all'aggregazione di un gruppo di giovani esponenti futuristi raccolti intorno al poeta e giornalista Krimer (Cristoforo Mercati) e al pittore e disegnatore Uberto Bonetti (il creatore della maschera di Burlamacco, icona del carnevale di Viareggio) di cui la mostra celebra il centenario della nascita, con i legami che intessere con artisti del calibro di Antonio Marasco, Gerardo Dottori e la corrente dell' aereopittura, la quale trovò una singolare esaltazione grazie all'allestimento di un idroscalo nel lago di Massaciuccoli che favorì la realizzazione di spettacolari manifestazioni aviatorie che videro partecipi cantori gli artisti e i letterati futuristi.

Ampia attenzione è dedicata infine alla complessa attività dei fratelli Ernesto e Ruggero Alfredo Michahelles, vale a dire Thayaht e Ram, in veste di artisti, designer, inventori, attivi fin dalla fine degli anni Dieci a Viareggio e a Marina di Pietrasanta. Ulteriori sezioni sono dedicate al rapporto tra il Futurismo e gli spettacoli e gli eventi ludici che caratterizzavano la vita versiliese e il Carnevale di Viareggio che proprio in quel periodo assumeva rilevanza internazionale.

Ulteriori dettagli
Codice EAN / ISBN-13: 
9788895292236
Pagine: 
224

Copyright © 1996-2014 Genesi S.r.l. | Partita IVA 01680570676 - Cap. Sociale € 10.000,00 i.v. REA TE 143874