In vino veritas

In vino veritas

Un dialogo a cinque voci sul tema dell'amore. Non l'eros antico però, bensì il rapporto tra i due sessi così come si era andato delineando sull'onda di due svolte epocali: l'avvento del Cristianesimo e la Rivoluzione francese.

Logico dunque che a occupare decisamente il centro del dialogo fosse la donna, e altrettanto logico che l'opera, rigorosamente al maschile, girasse intorno a quel centro immaginario sbandando in infiniti modi tra satira e pastiche. Forse anche per questo In vino veritas è il testo che più costò fatica a Kierkegaard: vi lavorò infatti per oltre un anno, sottoponendolo a ripetute modifiche che finirono per prostrare addirittura l'autore, solitamente assai più spiccio e ispirato. In compenso, la critica più autorevole (da Brandes a Hirsch) non tardò a cogliere la levatura stilistica dell'opera, definita un capolavoro e anzi il capolavoro assoluto della produzione kierkegaardiana. In Italia ben quattro traduzioni nell'arco del nostro secolo hanno cercato, ognuna per suo conto, di rendere precario al limite dell'abusivo quel primato. E in tal senso questa traduzione, condotta con il patrocinio del Kierkegaard Department dell'Università di Copenaghen, viene quasi a rappresentare un atto dovuto di risarcimento.

Ulteriori dettagli
Editore: 
Tranchida
Codice EAN / ISBN-13: 
9788880032823
Pagine: 
119

Copyright © 1996-2014 Genesi S.r.l. | Partita IVA 01680570676 - Cap. Sociale € 10.000,00 i.v. REA TE 143874