La congiura dei loquaci

Autore: 
Gaetano Savatteri

La congiura dei loquaci”: la ristampa del libro di Gaetano Savatteri già pubblicato nel 2000 che racconta l'inchiesta sull'uccisione del Sindaco di Racalmuto, un fatto di sangue avvenuto nel lontano 1944

Gaetano Savatteri è giornalista e scrittore, ma è soprattutto un nome molto importante per la cultura e il giornalismo che arrivano dalla terra di Sicilia: la sua terra di origine nella quale tornò a vivere dopo 12 anni dalla sua nascita avvenuta a Milano.

E' proprio in Sicilia che il giovanissimo Savatteri inizia il suo lavoro giornalistico, fondando, insieme con alcuni amici, il quotidiano “Malgrado Tutto”: una testata che diventò sempre più importante e che vide pubblicati contributi con firme di tutto rispetto, a cominciare da quella del grande Leonardo Sciascia e fino a Andrea Camilleri.

“La congiura dei loquaci”

Questo romanzo venne pubblicato nella sua prima edizione nel 2000 ed è un'opera molto importante, poiché è quella che portò Savatteri verso la narrativa.

L'ambientazione è quella della Sicilia degli anni Quaranta e la trama fa riferimento ad un fatto realmente accaduto: l'assassinio del Sindaco di Racalmuto, un paese in provincia di Agrigento.

6 novembre 1944

E' questa la data del giorno in cui a Racalmuto venne ucciso Baldassarre Tinebra: l'uomo viene freddato, davanti a molti testimoni, mentre si trova a passeggiare nella piazza del paese.

Tinebra era diventato Sindaco da pochissimo tempo, era stato, infatti, eletto solo un anno prima, nel 1943.

Dopo quanto accaduto, iniziano, naturalmente, le indagini per risolvere la questione e trovare il responsabile o i responsabili di questo omicidio e gli interrogatori che vengono svolti portano subito, in maniera velocissima, all'identificazione di quello che, secondo i testimoni, è il presunto colpevole.

Si tratta di Vincenzo Mattina, meglio conosciuto con il soprannome di “Centoedieci”, uno zolfataio che la maggior parte dei “loquaci” paesani interrogati dai carabinieri fanno di tutto per indicare come esecutore del delitto.

In un crescendo di intensità, reso in maniera eccezionale dalla scrittura di Savatteri, il lettore segue le indagini portate avanti dal tenente Adano e dal suo collaboratore Semico.

Tutto sembra davvero ricondurre a quell'unico colpevole, ma la domanda che, ad un certo punto, pone tutta la questione, sembra portare ad una pista del tutto differente: quei paesani che, improvvisamente, sono diventati così “loquaci” hanno detto davvero la verità? Oppure quella di cui si sta trattando è solo una congiura messa in atto per coprire un'altra situazione e altri responsabili?

Ulteriori dettagli
Editore: 
Sellerio
Codice ISBN-10: 
8838936315
Codice EAN / ISBN-13: 
978-8838936319
Pagine: 
186

Copyright © 1996-2014 Genesi S.r.l. | Partita IVA 01680570676 - Cap. Sociale € 10.000,00 i.v. REA TE 143874