Le polarità ambigue

Autore: 
Giancarlo Castello

La recensione è la stessa che l'Autore ha inviato all'Editore, e dato l'argomento trattato, nessuno meglio di lui potrebbe spiegarne il contenuto:

Provate a chiedervi qualcosa riguardante voi stessi o gli altri, una scelta, un comportamento, una simpatia. Chiedetevi perché qualcuno è riuscito a raggirarvi, nonostante la vostra intelligenza e che tipo di inganno è riuscito ad architettare per voi. Cercate di capire il tipo di amore che vi lega a una persona o da cosa è generata la vostra timidezza. Se leggerete il libro con sufficiente attenzione e ne afferrerete i principi di base, molto più semplici di quanto pensiate, allora troverete le risposte.

Le direzioni della mente sono quattro. In realtà due di quelle direzioni non sono altro che il contrario delle altre due. Tutto potrebbe partire da un solo elemento, che si trasformi nel suo opposto. Prendiamo ad esempio il Bene e il Male. Un normale sdoppiamento basato sulla semplice verità di ogni antitesi. Ma se ogni opposto in realtà fosse ambiguo, le possibilità diventerebbero, appunto, quattro. E’ apparentemente difficile, ma il libro vi aiuterà a capire con facilità quali sono le leggi che governano i nostri pensieri e le nostre azioni. Non esistono solo il NO e il SI, ma anche il NO celato nel SI e il SI celato nel NO.

"Venticinque anni or sono mi fu espresso un quesito da un gruppetto di bambini. Mi vedevano sempre osservare ogni cosa, e avevano cominciato a fare domande. Naturalmente rispondevo volentieri (sono uno studioso dei fenomeni della Natura). Una delle domande era: Come mai l’orologio a lancette è rotondo e quello digitale quadrato? Poi mi chiesero perché tutte le capanne degli aborigeni sono sempre rotonde. Non era più facile farle quadrate? Quella domanda mi folgorò. Riflettendo mi resi conto che non solo quelle abitazioni, ma tutte le case di tipo arcaico erano rotonde. Così il tepee dei pellirosse, l’igloo degli eschimesi, il nuraghe dei sardi, il trullo dei pugliesi. Il fatto m’incuriosì così tanto che cominciai a fare una ricerca, applicando diversi test ad amici e parenti. Risultò che tutte le forme degli oggetti erano suggerite da speciali impulsi. Davanti ai miei occhi si spalancò una porta sconosciuta. Compresi l’importanza degli opposti e il loro significato nel profondo della mente. Era come rovistare dentro un ripostiglio segreto, da dove uscivano conclusioni davvero straordinarie. Così sono giunto alle 4 leggi dell’Umanotica, da cui partono tutte le motivazioni e le concezioni del comportamento. Impossibile sottrarsi a esse".

 

Ulteriori dettagli
Editore: 
Cerebro Editore
Codice EAN / ISBN-13: 
9788896782309
Pagine: 
168

Copyright © 1996-2014 Genesi S.r.l. | Partita IVA 01680570676 - Cap. Sociale € 10.000,00 i.v. REA TE 143874