Storia della mia gente

Storia della mia gente
Autore: 
Edoardo Nesi

Un libro, un saggio sugli anni d'oro dell'industria tessile pratese e sul suo declino innescato dalla crisi e dall'economia globale, raccontato da Edoardo Nesi, imprenditore tessile che racconta, con rabbia e con amore, la storia della sua gente.

Edoardo Nesi racconta nel suo libro Storia della mia gente, edito da Bompiani, la lunga e tribolata storia degli “stacciaroli” pratesi, che della loro passione per i tessuti fecero un lavoro apprezzato non solo in Italia, ma anche all'estero, dove l'industria tessile di Prato era conosciuta e apprezzata come una delle eccellenze del made in Italy.

Erano gli anni della felicità e della ricchezza, talvolta ostentata con beni lussuosi e un atteggiamento di chi sa che il suo lavoro è riconosciuto e apprezzato, venduto e in grado di trainare il PIL di un'intera provincia. Fino a quando non arriva la tigre orientale con i suoi artigli, a fare di quei tessuti scampoli.

Sono gli anni della globalizzazione, in cui gli economisti assicurano che per vincere la sfida del mercato globale l'Italia deve guardare oltre i mestieri, oltre l'artigianato e la piccola industria, certo eccellente e riconosciuta ma non adatta a un mercato grande come il mondo. Gli investitori si fidano del ragionamento, abbandonano i progetti dei distretti industriali italiani, che, vista sotto un'altra prospettiva, sono proprio le realtà che hanno permesso un tanto rapido boom economico italiano. Prato da polo tessile d'eccellenza diventa una realtà in decadenza, in cui la manodopera a basso costo, soprattutto cinese e asiatica per esteso, è la nuova faccia del tessile pratese.

Edoardo Nesi e l'industria tessile

Edoardo Nesi racconta, con amore e con rabbia, da persona assolutamente informata nei fatti, fin nelle viscere, dal momento che anche lui, ex imprenditore tessile a Prato, ha vissuto sulla sua pelle gli anni d'oro e quelli in cui l'industria pratese ha subito duri colpi, fino a perdere il suo primato d'eccellenza e trasformarsi in una sterile realtà industriale dell'era della globalizzazione, in crisi come qualsiasi altro reparto produttivo nel nostro Paese.

Effetti della globalizzazione

Un saggio da leggere per conoscere più approfonditamente un distretto industriale importante, ma anche per capire dall'interno i pensieri e le speranze mancate di un reparto produttivo come quello del tessile in Italia, passato in meno di un trentennio dall'eccellenza e da fatturati miliardari, al licenziamento del personale per insufficienza di commesse. Un libro che descrive le conseguenze della globalizzazione su un Paese che ha fondato la sua ricchezza sulle piccole realtà industriali, sulla specializzazione, sulla cura del dettaglio, che a correre dietro un mercato che non gli appartiene, va a finire che ci perde le scarpe.

Ulteriori dettagli
Editore: 
Bompiani
Codice EAN / ISBN-13: 
9788845263521
Pagine: 
161
Anteprima: 

Copyright © 1996-2014 Genesi S.r.l. | Partita IVA 01680570676 - Cap. Sociale € 10.000,00 i.v. REA TE 143874